Navigazione

Ufficio

Valle 3.0 srl

Via Cesare Fracassini 18
00196 Roma
P.I 13586051008

Ambasciata italiana a Nairobi

Ambasciata italiana a Nairobi

Nairobi, Kenya

Il progetto, che risponde alla necessità di rappresentare l’Italia a Nairobi, ricerca nella sua espressione formale i segni architettonici propri della cultura italiana, ponendosi come obiettivo l’integrazione e il rispetto con il paesaggio e la cultura del luogo. Il progetto si sviluppa lungo delle piazze collegate tra di loro con delle gradinate, una citazione rispetto all’idea di belvedere. Gli edifici che definiscono questi spazi si relazionano rispetto al contesto con due approcci: un fronte chiuso e compatto verso l’esterno, che racconta l’idea di forte, e un sistema permeabile verso l’interno, articolato con la progettazione di passaggi schermati che vorrebbero rifarsi all’idea dei camminamenti sotto i portici. La risposta progettuale prevede un primo segno, le piattaforme, che si assestano seguendo l’inclinazione del terreno, le superfici in appoggio sul terreno permettono di lasciare passare la vegetazione vincolata, consentendo una relazione rispettosa tra il terreno, la vegetazione e gli edifici. La distribuzione dei componenti costituenti l’agglomerato è suddivisa nel seguente modo: Il terreno è caratterizzato da una forte pendenza che costituisce il vincolo principale. L’obiettivo è quello di preservare il più possibile il terreno, riducendo il numero scavi e tutelando la vegetazione a rischio.

  • Edificio controllo accessi: a cavallo del confine, è diviso in due parti: una dedicata al controllo dei dipendenti e una, posizionata a una quota inferiore, dedicata ai visitatori esterni. Per la divisione dei percorsi viene sfruttata la differenza di quota, trasformando l’ingresso al complesso da parte dei visitatori esterni in una esperienza emozionale.
  • Edificio ricezione pubblico consolare e visti: l’accesso dei visitatori avviene dalla piazza pubblica, i dipendenti, con un accesso dedicato, hanno un facile collegamento all’ufficio visti, posizionato nell’Ambasciata.
  • Istituto Italiano di Cultura: è diviso in due parti e ospita da un lato gli uffici, con accesso dei dipendenti dedicato, nell’altro ospita l’auditorium e le aule. Le due zone sono separate e unite da uno spazio esterno ombreggiato che insieme al giardino interno può ospitare gli eventi che possono avvenire anche sulla piazza di accesso al pubblico.
  • Edificio AICS Nairobi, Mogadiscio e uffici Ambasciata Mogadiscio: l’ambasciata di Mogadiscio è separata dal resto dell’edificio e posizionata al livello della “piazza dell’arte”, gli uffici di cooperazione sono posizionati al piano superiore, l’ingresso è in comune al livello terra.
  • Ambasciata italiana a Nairobi: edificio articolato, composto da più parti, quella degli uffici dell’amministrazione, degli uffici visti, dell’ASI e dell’ICE fronteggia la “piazza dell’arte” ed è collegata internamente con la parte dell’edificio più rappresentativa con il più alto livello di sicurezza, la parte della Presidenza del Consiglio e dell’Area Diplomatica. Questa, posizionata al piano superiore, occupa la parte più alta del terreno con la possibilità di utilizzare la piazza per le attività istituzionali.
  • Edificio servizi: l’accesso all’edificio, posizionato sul lato ortogonale, non interferisce con la piazza istituzionale. L’affaccio e l’area esterna della zona ristoro sono schermati dalla piazza da un giardino e da una parete forata con formelle in terracotta, rendendo di fatto impossibile l’introspezione. Inoltre, lo spazio del giardino serve anche per evitare di invadere con la volumetria costruita la particella catastale non di pertinenza.
Italian Embassy in Nairobi - Nairobi - Kenya

The project, which addresses the need to represent Italy in Nairobi, searches for architectural signs characteristic of Italian culture in its formal expression, aiming for integration and respect for the local landscape and culture. The project develops along squares connected by staircases, referencing the concept of a belvedere. The buildings that define these spaces relate to the context with two approaches: a closed and compact front towards the outside, conveying the idea of strength, and a permeable system inward, structured with the design of screened passages that draw inspiration from the idea of walkways under arcades.

  • The design response includes an initial element, the platforms, which settle following the slope of the terrain, with surfaces resting on the ground allowing for the passage of bound vegetation, enabling a respectful relationship between the terrain, vegetation, and buildings. The distribution of the components making up the cluster is divided as follows:
  • The terrain is characterized by a steep slope that constitutes the main constraint. The goal is to preserve the terrain as much as possible, reducing the number of excavations and protecting the at-risk vegetation.
  • Access control building: straddling the boundary, it is divided into two parts: one dedicated to the control of employees and another, positioned at a lower level, dedicated to external visitors. The difference in levels is used to divide the paths, transforming the entrance to the complex by external visitors into an emotional experience.
  • Public consular reception and visa building: visitor access is from the public square, employees, with a dedicated access, have an easy connection to the visa office, located in the Embassy.
  • Italian Institute of Culture: divided into two parts, it houses offices on one side, with dedicated employee access, and on the other, it hosts the auditorium and classrooms. The two areas are separated and joined by an external shaded space which, together with the internal garden, can host events that may also take place on the public access square.
  • AICS Nairobi, Mogadishu and Mogadishu Embassy offices: the Mogadishu embassy is separated from the rest of the building and positioned at the level of the “art square,” with cooperation offices located on the upper floor, the entrance is common at the ground level.
  • Italian Embassy in Nairobi: a complex building, composed of multiple parts, the administration offices, visa offices, ASI and ICE face the “art square” and are internally connected with the most representative part of the building with the highest level of security, the part of the Presidency of the Council and the Diplomatic Area. This, positioned on the upper floor, occupies the highest part of the terrain with the possibility of using the square for institutional activities.
  • Services building: the access to the building, positioned on the orthogonal side, does not interfere with the institutional square. The view and the external area of the dining area are screened from the square by a garden and a perforated wall with terracotta tiles, effectively preventing introspection. Additionally, the garden space also serves to avoid invading with the built volume the cadastral particle not pertaining.

Committente

Ministero degli esteri

Importo

7.000.000,00 €

Superficie

1500 mq

Periodo di intervento

Concorso 2023